CON(SENSO)wine consulenza vitivinicola senza solfiti per vino biologico

Rassegna Stampa

nuovo articolo

“Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.”

Il mio vino Biologico è senza solfiti - intervista a Sergio Pappalardo

Viticoltura sostenibile e vino biologico: convegno a Tufo (AV)

Il Convegno sulla viticoltura sostenibile e il vino biologico si è svolto a Tufo (AV) il 17 maggio scorso, presso l’Azienda Enovit (Zona Industriale), dopo l’introduzione di Sergio Pappalardo:Le nuove leve della viticoltura campana si uniscono in nome della sostenibilità. Un termine abusato per quanto attuale, un obiettivo sempre più presente nei planning delle aziende vitivinicole.

Come di tradizione il viti-enologo Sergio Pappalardo pone l’accento sulla viticoltura sostenibile, un approccio al suo mestiere che parte dall’attenzione alla terra ed alle sue esigenze e prosegue in una meticolosa cura della vigna, prima che dedicarsi al lavoro in cantina.

E le nuove tecnologie stanno dando una grande mano a chi si pone questi obiettivi, oltre alla necessaria e continua ricerca teorica e pratica. Sono due gli incontri che hanno portato il viti-enologo a decidere di promuovere “Obiettivo Sostenibilità”, un incontro tecnico in cui presenterà due realtà che intende sostenere e che a loro volta sostengono i suoi progetti: Maniola e Fertenia.

Si tratta di due realtà giovani e soprattutto molto all’avanguardia. “Maniola” è una realtà imprenditoriale impegnata nel monitoraggio ambientale, che si concretizza in una rete di sensori senza fili. Questi ultimi permettono di controllare il microclima in vigna e prevedere le infezioni patogene della vite.

“Fertenia” ha una storia di 10 anni ed ha già fatto storia per la produzione di fitofortificanti a estrazione vegetale.  In particolare racconterà dei suoi sviluppi in tema di “nutraceutica” applicata alla vite. Un modo naturale per migliorare le difese della pianta attraverso la nutrizione.

“Il mio vino biologico e senza solfiti”

Sergio Pappalardo, dalla vigna alla tavola, un impegno etico e professionale

Intervista a Sergio Pappalardo, 38 anni, una laurea in Tecnologie Alimentari, una specializzazione in Scienze Viticole ed Enologiche, una forte passione per il mondo agricolo e naturale, fondatore del marchio con(senso)wine ( sito Internet: www.consensowine.it).

Quest’anno Sergio Pappalardo si appresta a vivere la sua undicesima vendemmia da consulente e ci tiene a raccontare del suo approccio a questo mestiere.

Non mi piace usare protocolli, ogni volta che scelgo di seguire una nuova azienda comincio con il conoscere a fondo la sua realtà. Ascolto il produttore, gli operai, cerco di comprendere ciò che si desidera, cosa non funziona, cosa si crede vada continuato a fare. Insomma il mio lavoro è certamente seguire la produzione vitivinicola, ma faccio bene attenzione a seguire l’azienda nella sua interezza. Non si può lavorare facendo finta che esista solo la vigna e la cantina. Esistono i principi, i miei, quelli delle persone con cui ho a che fare, quelli dei consumatori. E poi esiste l’ambiente che va tutelato nel rispetto della terra e del nostro futuro”.

Una consulenza a 360° che comincia in Liguria, come mai?

La vita è fatta anche di casualità. Una visita ad alcune aziende insieme a due colleghi che con me hanno seguito la specializzazione a Torino, eravamo alla scoperta della cosiddetta viticoltura eroica. E poi mi sono fermato per un po’… Oggi mantengo due consulenze, una a Monterosso nelle Cinque Terre ed una sulle colline di Chiavari in provincia di Genova. Nonostante siano anni che mi sono ristabilito in Campania, mantengo con piacere questi rapporti di lavoro e non nego che mi diverte essere un meridionale che porta consulenze al Nord. Quasi sempre succede il contrario…”.

Sembra che ci sia una vena ironica tra le tue parole…

Si, in qualche modo. Nel senso che ho sempre “sofferto” la corsa delle aziende del Sud al consulente toscano o comunque che viene da lontano. Credo che sia solo un modo sciocco di pensare di riuscire nella propria impresa, senza considerare le grandi professionalità che abbiamo al Sud e le conoscenze delle nostre diversità. Spesso (ma non sempre) il consulente noto abbandona a se stessa l’azienda, limitandosi a inviare protocolli uguali per tutti. E’ importantissimo invece conoscere bene il territorio, proprio ora che ha grande valore l’enologia varietale. E poi oggi più che mai – per via di questo momento di crisi, il vino dev’essere sempre più autentico, cioè prodotto del territorio e della sua interpretazione, e non un vino-bevanda pienamente standardizzato in vista del mercato globale. Sarebbe una grande perdita identitaria sia per il vino che per il Made in Italy, considerato che la concorrenza mondiale è forte e il vino viene bevuto sempre in minor quantità”.

Ci spiegavi che non solo i vini possono essere standardizzati…

E’ così, in effetti se ne parla poco ma altrettanto grave è la standardizzazione delle pratiche agronomiche che ha portato anche a costi insostenibili nella produzione delle uve. In parole povere anche per le vigne sono stati usati dei protocolli a prescindere dalle annate,dalle varietà, dai suoli. Niente di più sbagliato, che ha portato ad un circolo vizioso nell’uso di agro-farmaci e dunque all’impoverimento del patrimonio ambientale e all’indebolimento di ogni singola pianta a costi crescenti”.

E allora cosa si può fare?

Io credo nel biologico. Purtroppo fin’ora l’approccio è stato uguale a quello standard, cioè sono state cercate delle soluzioni alternative ai prodotti di sintesi, mentre il biologico è soprattutto prevenzione. La vite è un essere vivente come il suolo da cui si sviluppa, ricco di microrganismi utili, quindi il biologico è volto prima di tutto a tutelare la loro salute in modo che possano autodifendersi, evitando la suscettibilità alle varie patologie. Anche per questo è importante che il consulente sia vicino all’azienda, la vigna va vissuta e osservata”.

Ma parliamo di vino, per te il non plus ultra è il senza solfiti, sei il primo enologo ad averne fatto uno in Campania!?

Ho sempre fatto in modo di lavorare utilizzando al minimo i solfiti e solo quando necessario. L’obiettivo era – ovviamente – quello di eliminarli del tutto e ci sono riuscito per la prima volta con Tenute del Fasanella nella vendemmia 2010. 500 quintali di uva – l’intera produzione aziendale – sono stati vinificati senza uso di solfiti. Questo è stato possibile partendo da un’eccellente materia prima e da un maniacale lavoro in cantina. Il risultato è stato stupefacente, siamo di fronte a dei vini con un forte potenziale di antiossidanti che gli permette di non subire invecchiamenti precoci. Inoltre a questo punto posso smentire categoricamente che i senza solfiti perdano i profumi, credo sia una partita tutta da giocare e ancora da scoprire…”.

 

Solo aziende con vigne proprie, in conduzione biologica, senza uso di solfiti. Questi i tuoi principi, cosa aggiungeresti?

Che per ottenere una buona qualità è davvero importante partire dalla vigna, e dunque non mi presterei a fare del vino da un prodotto che non conosco e che non ho seguito. La conduzione biologica interpreta bene il mio amore per l’ambiente ed il senza solfiti credo sia una scelta etica nei confronti dei consumatori”.

La tua attenzione a 360° al mondo vitivinicolo ti ha portato alla promozione di un incontro tecnico sui generis…

Si, lo scorso 17  maggio a Tufo (AV) ho voluto promuovere due giovani realtà in cui credo molto e con cui ho avviato una collaborazione. Oggi si parla tanto di sostenibilità, ma spesso resta una parola vuota.  Con me sono intervenute altre due aziende impegnate nella viticoltura campana e nazionale: Maniola e Fertenia. Giovani e soprattutto molto all’avanguardia. “Maniola” è impegnata nel monitoraggio ambientale, che si concretizza in una rete di sensori senza fili. Questi ultimi permettono di controllare il microclima in vigna e prevedere le infezioni patogene della vite.“Fertenia” ha una storia di 10 anni ed ha già fatto storia per la produzione di fitofortificanti a estrazione vegetale.  In particolare racconterà dei suoi sviluppi in tema di “nutraceutica” applicata alla vite. Un modo naturale per migliorare le difese della pianta attraverso la nutrizione. Non bisogna mai stancarsi di studiare, cercare e approfondire. Oggi abbiamo gli strumenti per rispettare al meglio la nostra Terra e di conseguenza il nostro futuro e la nostra salute. E’ un dovere a cui nessuno dovrebbe sottrarsi”.

www.sceltedivino.it - 20 ottobre 2011

Dagli Alburni autoctoni senza solfiti
La storia di Tenute del Fasanella e d’una scommessa vinta

 



antece
Non si arriva per caso tra i monti Alburni a Sant’Angelo a Fasanella, in questo pezzo di Campania stretto tra il mare delCilento e la Lucania. Da sempre attrattori son stati la scultura rupestre denominata Antece e le Grotte di San Michele, nonché un patrimonio ambientale di indiscutibile valore. (A.Pe.)

Ma dal 2008 non è più così, è l’anno della prima vendemmia di Tenute del Fasanella, un’azienda nata con un grande sogno, creare una realtà produttiva che portasse il nome del proprio paese in giro per il mondo. Un’ambizione collettiva che si è trasformata, di fatto, in una società formata da circa 40 persone, di cui una parte sono “emigranti” che – in questo modo – hanno potuto rafforzare il proprio rapporto con il paese d’origine e contribuire a tenerlo vivo.
logo fasanella

I primi impianti, nel 2005, hanno visto il paesaggio cambiare pian piano, mentre i nove ettari aziendali accoglievano il Fiano, l’Aglianico, il Primitivo e l’Aglianicone. Quest’ultima è una varietà autoctona – recuperata in zona – che sta regalando molte soddisfazioni, da essa ne viene un vino di corpo, più “facile” rispetto all’Aglianico sia per un degustatore meno esperto che in funzione degli abbinamenti culinari.

fiano
Ad affiancare la produzione, un appassionato lavoro di ricerca tramite l’allevamento della Santa Sofia e del Mangiaguerra (antichi vitigni locali) e micro vinificazioni atte a valutare nel tempo un possibile investimento aziendale. Sono tre – dunque – i pilastri su cui Tenute del Fasanella ha puntato il suo lavoro: una meticolosa cura dei vigneti (allevati in biologico), la valorizzazione e la ricerca sui vitigni autoctoni del Cilento e la lavorazione dei vini senza solfiti aggiunti.
mangiaguerra
L’azienda si avvale di un consulente vitivinicolo, Sergio Pappalardo, che è uno dei pochi in Italia che dalla vigna in cantina evita l’uso di prodotti di sintesi e “concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante.
sergio-pappalardo
“Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti spiega Sergio Pappalardo – a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”
sergio-pappalardo2
Sempre il consulente vitinicolo rileva: “Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi. L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5.000 ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Il Phasis, un Fiano in purezza Igp Paestum, ha un indice ORAC di 455 per 100 g, paragonabile a moltissimi vini rossi”.
Nonostante la sua utilità nella produzione di vini per mantenerne colore e durata, è noto che l’anidride solforosa ha sull’uomo un’azione tossica che ne limita l’impiego. L’Organizzazione Mondiale della Sanità comprende l’anidride solforosa tra i conservanti (E220) e ne indica la dose massima giornaliera ammissibile in 0,7 mg/kg di peso corporeo. All’eccesso di assunzione della solforosa sono attribuiti diversi disturbi, tra cui la comparsa di emicranie, gastralgie e reazioni allergiche. Per questo motivo l’Unione Europea ha imposto l’obbligo (direttiva 89/2003) di indicare in etichetta la presenza di anidride solforosa nel vino, se superiore ai 10mg/litro. I solfiti sono anche responsabili della formazione di radicali anionici (dannosi per il corpo umano). I vini Tenute del Fasanella senza solfiti aggiunti, contengono rispettivamente 2mg/litro per l’Auso e 6mg/litro per il Phasis, sono prodotti che conquistano per la loro pulizia, la schiettezza e per la loro aderenza alla varietà da cui sono tratti, richiesti – infatti – da un pubblico attento al gusto ed alla salute. Tant’è che – oltre ad una distribuzione classica, molte sono le richieste ricevute da lontano grazie ad un’intensa attività telematica. Ora a pochi giorni dalla chiusura della vendemmia, a Sant’Angelo a Fasanella si lavora in cantina, mentre c’è attesa per l’uscita dell’Aglianicone Alburno 2010 prevista per la prossima primavera e dell’Aglianico Manfredi 2009 prevista per settembre 2012. Una scommessa già vinta, insomma, per questa giovane realtà aziendale che continua a prefiggersi obiettivi di rilievo e che l’ha trasformata in poco tempo nell’unica azienda campana a fare vini senza solfiti aggiunti.

Antonella Petitti

www.vinit.net - 10 ottobre 2011

Vino senza solfiti aggiunti ? Si grazie, ora si può

Devo ammettere che fino ad oggi sono stato abbastanza dubbioso sui vini “ naturali , biologici e biodinamici “, precisando fin da subito che non sono assolutamente contrario in linea di principio con la realizzazione e la degustazione di questi vini.

Unica condizione imprescindibile per chi Vi scrive è sempre e comunque l’alta qualità del prodotto finale ” vino “, perché come recitava uno spot pubblicitario del bravissimo e simpatico Nino Manfredi :
” Il caffè è un piacere, se non è buono che piacere è ? “
Questo è lo stesso mio pensiero quando mi approccio a degustare un vino, qualunque esso sia. Raramente mi è capitato di degustare vini naturali e/o biologici e/o biodonamici veramente buoni, ad esempio questi :
http://www.winetaste.it/ita/anteprima.php?id=5880 per quanto riguarda questa azienda :
http://www.casinadicornia.com/
oppure questa recente visita in azienda e relativa super-degustazione in Alto Adige da Alois Lageder :
http://www.winetaste.it/ita/anteprima.php?id=6834
ma come scrivevo sopra , questi erano pochissimi e rari ricordi.
Poi un giorno vengo a conoscenza che un gruppo di viticoltori lungimiranti, ha aderito ad un protocollo, che prevede la produzione di vino SENZA ALCUNA AGGIUNTA DI SO2, vale a dire produzione di vino SOLFITI FREE, ecco l’elenco .
I Pionieri e i Vini Freewine
L’elenco dei produttori e dei vini prodotti nella vendemmia 2010 nel rispetto del disciplinare Freewine. Cliccando sui nomi delle cantine avrete accesso ai loro siti web. Cliccando sui nomi dei vini avrete accesso alle rispettive schede tecniche.
Consiglio una attenta visita ed approfondimento al sito :
http://www.freewine.eu/pionieri-vini-freewine
Amorosso
Amorosso Aglianico del Vulture DOC
Responsabile: Piergiorgio Mangialardi
Ancilla Lugana – Az. Agr. La Ghidina
“1909″ Lugana DOC
Responsabile: Luisella Benedetti
Cantina Sociale Roverè della Luna
Zero Wine Blanc IGP Vigneti delle Dolomiti
Zero Wine Rosè IGP Vigneti delle Dolomiti
Responsabili: Corrado Gallo, Carlo Alberto Gasperi
Cantine Bolla
Amarone Class DOCG (solo sperimentazione tecnica)
Responsabili: Luca De Palma, Mariecarmen Navas, Christian Scrinzi
Fattori di Fattori Giovanni
Runcaris Freewine Soave DOC
Responsabile: Antonio Fattori
Le Pignole
Creorosso Tai Rosso Colli Berici DOC
Responsabile: Paolo Padrin
SeiTerre
Anima Flava Garganega IGT Veneto
Anima Rubra Sangiovese IGT Toscana
Responsabili: Mauro Berloffa, Matteo Crema
Tenuta di Corte Giacobbe – Dal Cero
Nature Soave DOC
Responsabile: Davide Dal Cero
Tenute del Fasanella
Auso Rosso IGP Paestum
Fiano Phasis IGP Paestum
Responsabili: Silvana Verrone, Bruno Sellitto, Sergio Pappalardo
Terre Verdi ( Moncaro )
Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC
Responsabili: Doriano Marchetti

DEGUSTAZIONE VINO AUSO 2010-IGT PAESTUM- TENUTE DEL FASANELLA
Tenute del Fasanella s.r.l. Corso Apollo XI 44 84027 S. Angelo a Fasanella (SA) P.IVA 04069810655
contattaci: info@tenutedelfasanella.it

Tel./Fax : +39 (0)828 961285
Cell. (presidente): +39 339 5368 529
Agente vendite per Salerno e provincia: Nicola Vincenzo Cell. +39 366 42 73 147
LA STORIA
( liberamente tratto dal sito aziendale )
La Società Tenute del Fasanella nasce nel novembre 2003 da una idea di Michele Clavelli che, già sindaco del comune di Sant’Angelo a Fasanella, intendeva creare un’attività che desse nuova linfa al paese.
Dunque è l’amore e la passione per la propria terra a far sì che, pian piano, fossero in più di 40 a sposare il progetto, diventandone soci.
Dopo un’attenta ricerca per l’individuazione delle microzone più vocate, nel 2004 furono mossi i primi passi con l’acquisto dei terreni e l’avvio dei lavori necessari a renderli adatti alla coltivazione della vite.
L’anno successivo, difatti, si è proceduto alla messa a dimora delle barbatelle.
E’ così che nel Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, ai piedi dei Monti Alburni, prende vita l’attività di questa nuova realtà vitivinicola. Tenute del Fasanella scelgono sin da subito, come filosofia aziendale, di vinificare soltanto uve di proprietà che, ad oggi, si ottengono da 7 ettari in produzione.
Sono 4, invece, gli ettari impiantati nel corso del 2009.
A testimonianza di questa inusuale scelta, la prima vendemmia che ha condotto all’imbottigliamento è stato proprio il 2008.
Anno in cui la totale gestione dei vigneti, il lavoro di vinificazione e la progettazione delle nascenti cantine sono state affidate all’enologo Sergio Pappalardo(consensowine).
Le varietà presenti nelle Tenute del Fasanella sono: Fiano, Primitivo, Aglianico ed Aglianicone. Di grande interesse il lavoro rivolto ai nuovi impianti di Santa Sofia e Mangiaguerra, entrambe varietà autoctone del Cilento, così come l’Aglianicone, già in produzione.
SCHEDA TECNICA

AUSO 2010
Denominazione: Rosso IGP Paestum
Varietà: Aglianico 50% Primitivo 50%
Località: S. Vito Prato
Estensione vigneto: 2 ettaro
Altitudine: 500 metri s.l.m.
Disposizione vigneto: esposto a sud-ovest con orientamento dei filari nord-sud
Suolo: profondo, su alternanze marnoso arenacee, a tessitura media in superficie, fine o moderatamente fine in profondità
Densità d’impianto: 5680 piante/ettaro
Potatura: cordone speronato
Produzione: 96 Ql/Ha
Tipo ed epoca di vendemmia: manuale in ceste da 15 Kg
19 settembre per il Primitivo, 10 e 23 ottobre per l’Aglianico
Vinificazione in totale assenza di solforosa: diraspatura; macerazione prefermentativa a freddo; macerazione alcolica in acciaio per 11 giorni a temperatura controllata; svinatura e pressatura soffice; proseguo della fermentazione per altri 40 giorni per l’Aglianico; fermentazione malolattica;
Maturazione: in acciaio su fecce fini sino al taglio Aglianico-Primitivo del19 maggio 2011
no stabilizzazione tartarica, no stabilizzazione proteica
Filtrazione: a cartucce 0,45 µm
Imbottigliamento: 1 giugno 2011
Affinamento: 1 mese in bottiglia
Resa uva/vino: 64%
Bottiglie prodotte: 13.790 2000 litri di vino rosso sfuso
Dati analitici
alcol svolto: 14,61 %v

NOTE DI DEGUSTAZIONE DI ROBERTO GATTI

Come primo vino ho degustato il bianco di questa azienda, composta da un folto gruppo di 42 ( se non ho contato male ) bravi ed appassionati soci, il Phasis 2010, un Fiano in purezza al 100%, con un quantitativo irrisorio di soli 6 mg/l, e devo dire che la bottiglia era perfetta, con una buona beva, senza alcun difetto. Qualche piccolo problema è sorto il giorno successivo, quando la bottiglia bene ritappata e posta in frigorifero, incominciava a manifestare qualche segno di ” cedimento “, con leggere note ossidative ed acetiche, per cui al momento non mi sento di andare oltre.
Vino Auso 2010- Igt Paestum- gr. 14,5
Questo vino mi ha inebriato l’anima ed i sensi, perché il piacere che mi ha procurato nell’immediato ed anche nei giorni successivi è stato grande. Una grande e positiva caratteristica di questo vino è quella per cui si è mantenuto integro, godibile e succoso anche dopo molti giorni dalla sua stappatura, dimostrando una tenuta nel tempo notevole, anche senza uso di solforosa. Ora ne conserverò una bottiglia in cantina e tra alcuni anni farò anche una ulteriore verifica di tenuta negli anni. Ma veniamo ora alle note degustative di questo ” gioiellino ” della nostra enologia, con il grande pregio di essere assolutamente SALUBRE.
Ottenuto da un ” blend ” ( indovinato a mio avviso ) 50% Aglianico 50% Primitivo, si presenta nel bicchiere :
rosso scuro violaceo, di grande ed invitante impatto visivo ;
al naso è pulito, con note vinose ( in gergo Ais significa che ci ricorda le note che si percepiscono durante la fermentazione n.d.r. ) , fruttate ;
in bocca è nettamente migliore dove manifesta un buon frutto croccante e polposo, leggeri residui di fermentazione lo rendono quanto mai gradevole, un sorso tira l’altro; l’alcol dichiarato seppure sostenuto NON si avverte minimamente e molto bene si amalgama con il grande frutto e materia prima, fresco e godibile. Mora di rovo, liquirizia sono i richiami gusto/olfattivi principali di questo vino ” SOLFITI FREE ” che ci ha molto favorevolmente impressionato. Anche i giorni successivi manteneva intatte le sue peculiarità organolettiche.
Un buonissimo vino da provare assolutamente, una bella esperienza che ci ha insegnato che la strada verso vini piu’ salubri è tracciata.
Con i migliori complimenti
Roberto Gatti

www.winestaste.it - 10 ottobre 2011

VINO SENZA SOLFITI AGGIUNTI ? SI GRAZIE ORA SI PUO’

blocks_image_0_1

Devo ammettere che fino ad oggi sono stato abbastanza dubbioso sui vini “ naturali , biologici e biodinamici “, precisando fin da subito che non sono assolutamente contrario in linea di principio con la realizzazione e la degustazione di questi vini. Unica condizione imprescindibile per chi Vi scrive è sempre e comunque l’alta qualità del prodotto finale “ vino “, perché come recitava uno spot pubblicitario del bravissimo e simpatico Nino Manfredi :
“ Il caffè è un piacere, se non è buono che piacere è ? “

Questo è lo stesso mio pensiero quando mi approccio a degustare un vino, qualunque esso sia. Raramente mi è capitato di degustare vini naturali e/o biologici e/o biodonamici veramente buoni, ad esempio questi :
http://www.winetaste.it/ita/anteprima.php?id=5880 per quanto riguarda questa azienda :

http://www.casinadicornia.com/

oppure questa recente visita in azienda e relativa super-degustazione in Alto Adige da Alois Lageder :
http://www.winetaste.it/ita/anteprima.php?id=6834
ma come scrivevo sopra , questi erano pochissimi e rari ricordi.

Poi un giorno vengo a conoscenza che un gruppo di viticoltori lungimiranti, ha aderito ad un protocollo, che prevede la produzione di vino SENZA ALCUNA AGGIUNTA DI SO2, vale a dire produzione di vino SOLFITI FREE, ecco l’elenco .

I Pionieri e i Vini Freewine
L’elenco dei produttori e dei vini prodotti nella vendemmia 2010 nel rispetto del disciplinare Freewine. Cliccando sui nomi delle cantine avrete accesso ai loro siti web. Cliccando sui nomi dei vini avrete accesso alle rispettive schede tecniche.
Consiglio una attenta visita ed approfondimento al sito :
http://www.freewine.eu/pionieri-vini-freewine

Amorosso
Amorosso Aglianico del Vulture DOC
Responsabile: Piergiorgio Mangialardi

Ancilla Lugana – Az. Agr. La Ghidina
“1909″ Lugana DOC
Responsabile: Luisella Benedetti

Cantina Sociale Roverè della Luna
Zero Wine Blanc IGP Vigneti delle Dolomiti
Zero Wine Rosè IGP Vigneti delle Dolomiti
Responsabili: Corrado Gallo, Carlo Alberto Gasperi

Cantine Bolla
Amarone Class DOCG (solo sperimentazione tecnica)
Responsabili: Luca De Palma, Mariecarmen Navas, Christian Scrinzi

Fattori di Fattori Giovanni
Runcaris Freewine Soave DOC
Responsabile: Antonio Fattori

Le Pignole
Creorosso Tai Rosso Colli Berici DOC
Responsabile: Paolo Padrin

SeiTerre
Anima Flava Garganega IGT Veneto
Anima Rubra Sangiovese IGT Toscana
Responsabili: Mauro Berloffa, Matteo Crema

Tenuta di Corte Giacobbe – Dal Cero
Nature Soave DOC
Responsabile: Davide Dal Cero

Tenute del Fasanella
Auso Rosso IGP Paestum
Fiano Phasis IGP Paestum
Responsabili: Silvana Verrone, Bruno Sellitto, Sergio Pappalardo

Terre Verdi ( Moncaro )
Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC
Responsabili: Doriano Marchetti

DEGUSTAZIONE VINO AUSO 2010-IGT PAESTUM- TENUTE DEL FASANELLA

LA STORIA
( liberamente tratto dal sito aziendale )

La Società Tenute del Fasanella nasce nel novembre 2003 da una idea di Michele Clavelli che, già sindaco del comune di Sant’Angelo a Fasanella, intendeva creare un’attività che desse nuova linfa al paese.
Dunque è l’amore e la passione per la propria terra a far sì che, pian piano, fossero in più di 40 a sposare il progetto, diventandone soci.

Dopo un’attenta ricerca per l’individuazione delle microzone più vocate, nel 2004 furono mossi i primi passi con l’acquisto dei terreni e l’avvio dei lavori necessari a renderli adatti alla coltivazione della vite.
L’anno successivo, difatti, si è proceduto alla messa a dimora delle barbatelle.

E’ così che nel Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, ai piedi dei Monti Alburni, prende vita l’attività di questa nuova realtà vitivinicola. Tenute del Fasanella scelgono sin da subito, come filosofia aziendale, di vinificare soltanto uve di proprietà che, ad oggi, si ottengono da 7 ettari in produzione.
Sono 4, invece, gli ettari impiantati nel corso del 2009.

A testimonianza di questa inusuale scelta, la prima vendemmia che ha condotto all’imbottigliamento è stato proprio il 2008.
Anno in cui la totale gestione dei vigneti, il lavoro di vinificazione e la progettazione delle nascenti cantine sono state affidate all’enologo Sergio Pappalardo(consensowine).

Le varietà presenti nelle Tenute del Fasanella sono: Fiano, Primitivo, Aglianico ed Aglianicone. Di grande interesse il lavoro rivolto ai nuovi impianti di Santa Sofia e Mangiaguerra, entrambe varietà autoctone del Cilento, così come l’Aglianicone, già in produzione.

SCHEDA TECNICA

AUSO 2010

Denominazione: Rosso IGP Paestum
Varietà: Aglianico 50% Primitivo 50%
Località: S. Vito Prato
Estensione vigneto: 2 ettaro
Altitudine: 500 metri s.l.m.
Disposizione vigneto: esposto a sud-ovest con orientamento dei filari nord-sud
Suolo: profondo, su alternanze marnoso arenacee, a tessitura media in superficie, fine o moderatamente fine in profondità
Densità d’impianto: 5680 piante/ettaro
Potatura: cordone speronato
Produzione: 96 Ql/Ha
Tipo ed epoca di vendemmia: manuale in ceste da 15 Kg
19 settembre per il Primitivo, 10 e 23 ottobre per l’Aglianico

Vinificazione in totale assenza di solforosa: diraspatura; macerazione prefermentativa a freddo; macerazione alcolica in acciaio per 11 giorni a temperatura controllata; svinatura e pressatura soffice; proseguo della fermentazione per altri 40 giorni per l’Aglianico; fermentazione malolattica;
Maturazione: in acciaio su fecce fini sino al taglio Aglianico-Primitivo del19 maggio 2011
no stabilizzazione tartarica, no stabilizzazione proteica
Filtrazione: a cartucce 0,45 µm
Imbottigliamento: 1 giugno 2011
Affinamento: 1 mese in bottiglia
Resa uva/vino: 64%
Bottiglie prodotte: 13.790 2000 litri di vino rosso sfuso

Dati analitici
alcol svolto: 14,61 %v

NOTE DI DEGUSTAZIONE DI ROBERTO GATTI

Come primo vino ho degustato il bianco di questa azienda, composta da un folto gruppo di 42 ( se non ho contato male ) bravi ed appassionati soci, il Phasis 2010, un Fiano in purezza al 100%, con un quantitativo irrisorio di soli 6 mg/l, e devo dire che la bottiglia era perfetta, con una buona beva, senza alcun difetto. Qualche piccolo problema è sorto il giorno successivo, quando la bottiglia bene ritappata e posta in frigorifero, incominciava a manifestare qualche segno di “ cedimento “, con leggere note ossidative ed acetiche, per cui al momento non mi sento di andare oltre.

Vino Auso 2010- Igt Paestum- gr. 14,5

 

Questo vino mi ha inebriato l’anima ed i sensi, perché il piacere che mi ha procurato nell’immediato ed anche nei giorni successivi è stato grande. Una grande e positiva caratteristica di questo vino è quella per cui si è mantenuto integro, godibile e succoso anche dopo molti giorni dalla sua stappatura, dimostrando una tenuta nel tempo notevole, anche senza uso di solforosa. Ora ne conserverò una bottiglia in cantina e tra alcuni anni farò anche una ulteriore verifica di tenuta negli anni. Ma veniamo ora alle note degustative di questo “ gioiellino “ della nostra enologia, con il grande pregio di essere assolutamente SALUBRE.

Ottenuto da un “ blend “ ( indovinato a mio avviso ) 50% Aglianico 50% Primitivo, si presenta nel bicchiere :
rosso scuro violaceo, di grande ed invitante impatto visivo ;
al naso è pulito, con note vinose ( in gergo Ais significa che ci ricorda le note che si percepiscono durante la fermentazione n.d.r. ) , fruttate ;
in bocca è nettamente migliore dove manifesta un buon frutto croccante e polposo, leggeri residui di fermentazione lo rendono quanto mai gradevole, un sorso tira l’altro; l’alcol dichiarato seppure sostenuto NON si avverte minimamente e molto bene si amalgama con il grande frutto e materia prima, fresco e godibile. Mora di rovo, liquirizia sono i richiami gusto/olfattivi principali di questo vino “ SOLFITI FREE “ che ci ha molto favorevolmente impressionato. Anche i giorni successivi manteneva intatte le sue peculiarità organolettiche.
Un buonissimo vino da provare assolutamente, una bella esperienza che ci ha insegnato che la strada verso vini piu’ salubri è tracciata.
Con i migliori complimenti
Roberto Gatti

www.rosmarinonews.it - 7 Settembre 2011

Dal Tigullio agli Alburni…
E’ cominciata la vendemmia SENZA SOLFITI!
del 07/09/2011

2978_9296

La mia vendemmia è cominciata il 30 agosto dopo aver rincorso una completa ed inattesa maturazione delle uve di Albarola a Chiavari (GE), nell’azienda San Nicola.

Il prossimo fine settimana sarà la volta del Vermentino per ottenere l’unico prodotto aziendale che da quest’anno sarà una DO Golfo del Tigullio.

Quest’anno – nonostante io abbia sempre lavorato con poca solforosa – ho deciso di eliminarla completamente in tutte le aziende per cui presto consulenza dalla raccolta alla vinificazione. Complici di questa importante decisione è stata – senza dubbio – l’annata e l’ottimo risultato ottenuto in vigna.

Un obiettivo raggiunto grazie al tempo dedicato alla formazione del personale aziendale e ad un ciclo di lavoro che parte SEMPRE dalle vigne.

Dal 1° settembre, invece, è partita la raccolta del Fiano a Bellosguardo (SA)  a Tenute del Fasanella.

Inattesa perché sino a fine luglio l’annata si era presentata in linea con la media storica, ma nel mese di agosto l’accumulo di gradi utili è cresciuto a dispetto del mancato classico temporale estivo.

Le condizioni estreme per irraggiamento della seconda metà di agosto, hanno contribuito ad un’accelerazione di accumulo di zuccheri per stress fisiologico della pianta, perdita di superficie fogliare utile alla fotosintesi con conseguente perdita d’acqua nell’acino. Ne consegue una resa inferiore nella raccolta che se confrontata alla ricca annata scorsa, fa registrare cali fino al 50%.

Naturalmente tutte queste considerazioni fanno riferimento a terreni collinari, vocati alla viticoltura di qualità, mentre nei vigneti di pianura – su suoli ricchi e fertili – l’annata andrà a compensare gli eccessi di vigore.

Negli Alburni, dove nei giorni a seguire è stato raccolto anche il Primitivo, siamo in attesa della giusta maturazione dell’Aglianicone e dell’Aglianico…

Sergio Pappalardo
s.pappalardo@consensowine.it
www.consensowine.it

www.denaro.it - 7 Luglio 2011

Un progetto per rilanciare il settore vitivinicolo del Cilento
DI REDAZIONE IL DENARO – GIOVEDÌ 7 LUGLIO 2011
POSTATO IN: IMPRESE&MERCATI

Un progetto per il rilancio del settore vitivinicolo nel Cilento. L’idea è del viti-enologo Sergio Pappalardo che sta riscuotendo sempre maggiori successi con il suo “con(senso)wine” senza solfiti. Tra le sue aziende spicca Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, che ha abbracciato in toto il suo progetto. Così dalla vigna in cantina le file rouge è stato sempre evitare l’uso di prodotti di sintesi e“concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è di basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante. “Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”, spiega Sergio Pappalardo. “Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo Igp Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi”. “L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5mila Orac(Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento ), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Questo è un dato importante e che deve far riflettere perché esprime la capacità degli alimenti di origine vegetale di assorbire radicali liberi”.

www.lucianopignataro.it - 6 Luglio 2011

Il progetto vitivinicolo di Sergio Pappalardo: vini senza solfiti, ma con antiossidanti naturali

NO alla chimica e ai solfiti, SI agli antiossidanti naturali. E’ questo il diktat del viti-enologo Sergio Pappalardo che sta riscuotendo sempre maggiori successi col suo progetto con(senso)wine senza solfiti. La sua passione per il biologico, la biodinamica e quanto sia “strettamente” naturale, lo ha accompagnato lungo il suo percorso di formazione e non lo ha abbandonato nemmeno quando ha cominciato a fare il consulente viti-enologo.
Difatti tra le sue aziende è Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, ad aver abbracciato in toto il suo progetto. Così dalla vigna in cantina le file rouge è stato sempre evitare l’uso di prodotti di sintesi e“concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è di basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante.
Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali.  Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”, spiega Sergio Pappalardo.
Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi”. “L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5.000 ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento ), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Questo è un dato importante e che deve far riflettere perché esprime la capacità degli alimenti di origine vegetale di assorbire radicali liberi. E’ quindi ipotizzabile che in futuro tra le indicazioni nutrizionali riportate sulle etichette degli alimenti (carboidrati, lipidi, calorie, ecc.) troveremo anche l’indicazione del potere antiossidante. Il Phasis, un Fiano in purezza IGP Paestum, ha un indice ORAC di 455 per 100 g, paragonabile a moltissimi vini rossi”.
PERCHE’ NO AI SOLFITI. Nonostante la sua utilità nella produzione di vini per mantenerne colore e durata, è noto che l’anidride solforosa ha sull’uomo un’azione tossica che ne limita l’impiego. L’Organizzazione Mondiale della Sanità comprende l’anidride solforosa tra i conservanti (E220) e ne indica la dose massima giornaliera ammissibile in 0,7 mg/kg di peso corporeo. All’eccesso di assunzione della solforosa sono attribuiti diversi disturbi, tra cui la comparsa di emicranie, gastralgie e reazioni allergiche. Per questo motivo l’Unione Europea ha imposto l’obbligo (direttiva 89/2003) di indicare in etichetta la presenza di anidride solforosa nel vino, se superiore ai 10mg/litro. I solfiti sono anche responsabili della formazione di radicali anionici (dannosi per il corpo umano). I vini Tenute del Fasanella senza solfiti aggiunti, già imbottigliati, contengono rispettivamente 2mg/litro per l’Auso e 6mg/litro per il Phasis.
I VINI TENUTE DEL FASANELLA. Sono 4 i prodotti di Tenute del Fasanella, un’azienda che nasce con la volontà di lavorare soltanto uve delle proprie vigne. Dopo le prime due vendemmie 2008 e 2009, dal 2010 tutte le uve aziendali sono state vinificate senza solfiti. In attesa – dunque – dell’uscita dell’aglianicone Alburno prevista per il prossimo ottobre 2011 e dell’aglianico Manfredi prevista per settembre 2012. Le schede tecniche dei vini sono disponibili sul sito www.consensowine.it.
APPUNTAMENTO DEGUSTAZIONI.
> Il prossimo 9 luglio, dalle ore 19, presso il Line Restaurant Cafè – Corso Vittorio Emanuele – Salerno si terrà una serata degustazione con protagonisti i vini Phasis ed Auso.
> Il 17 ed il 18 luglio a Paestum (SA) si terrà il primo Salone Nazionale del Vino – PAESTUM WINE FESTIVAL. Per l’occasione saranno in degustazione i vini di Tenute del Fasanella, in programma anche una specifica serata dedicata.

www.greenme.it - 6 Luglio 2011

Phasis ed Auso: vini biologici senza solfiti per il “con (senso)” di tutti

Creato Mercoledì, 06 Luglio 2011 17:13
Scritto da Verdiana Amorosi

CONSENSOWINE
Finalmente una buona notizia per chi è allergico ai solfiti o per chi sceglie prodotti esclusivamente naturali! In questi giorni sono stati lanciati sul mercato due nuovi vini privi di sostanze chimiche, che prevedono l’uso esclusivo di antiossidanti naturali. È questo il risultato del progetto del viti-enologo Sergio Pappalardo, che sta registrando un grande successo di pubblico grazie al suo “con(senso)wine”, che esclude radicalmente l’uso di sostanze chimiche nella produzione dei vini.
Pappalardo, da sempre appassionato del biologico e del biodinamico, ha deciso di applicare i principi chiave del vivere sano e naturale al settore vinicolo.

Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, – ha commentato – a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”.

SPAPPALARDO

Un esempio? L’azienda vinicola Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, che ha sposato interamente il suo nuovo progetto bio. Grazie a questa iniziativa e al coinvolgimento diretto della tenuta, il progetto garantisce l’uso di prodotti naturali dalla vigna alla bottiglia, per garantire il benessere della pianta e del consumatore.
Nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi”.

Insomma, i vini del progetto Con(senso) wine, oltre ad essere sani e bio fanno anche bene contro l’invecchiamento!

Verdiana Amoros

www.cibvs.com - 6 Luglio 2011

Il progetto vitivinicolo di Sergio Pappalardo: vini senza solfiti, ma con antiossidanti naturali

NO alla chimica e ai solfiti, SI agli antiossidanti naturali. E’ questo il diktat del viti-enologo Sergio Pappalardo che sta riscuotendo sempre maggiori successi col suo progetto con(senso)wine senza solfiti. La sua passione per il biologico, la biodinamica e quanto sia “strettamente” naturale, lo ha accompagnato lungo il suo percorso di formazione e non lo [...] […leggi]

www.rosmarinonews.it - 6 Luglio 2011

Il mio progetto vitivinicolo: vini senza solfiti, ma con antiossidanti naturali
In uscita l’Auso ed il Phasis
del 06/07/2011

2762_721.JPG

NO alla chimica e ai solfiti, SI agli antiossidanti naturali. In questo consiste il mio progetto con(senso)wine senza solfiti. La mia passione per il biologico, la biodinamica e quanto sia “strettamente” naturale, mi ha accompagnato lungo il mio percorso di formazione e non mi ha abbandonato nemmeno quando ho cominciato a fare il consulente viti-enologo.

Difatti tra le aziende che seguo è Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, ad aver abbracciato in toto il mio progetto.

Così dalla vigna in cantina le file rouge è stato sempre evitare l’uso di prodotti di sintesi e“concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è di basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante.

Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie.

Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi.

L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5.000 ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento ), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Questo è un dato importante e che deve far riflettere perché esprime la capacità degli alimenti di origine vegetale di assorbire radicali liberi. E’ quindi ipotizzabile che in futuro tra le indicazioni nutrizionali riportate sulle etichette degli alimenti (carboidrati, lipidi, calorie, ecc.) troveremo anche l’indicazione del potere antiossidante. Il Phasis, un Fiano in purezza IGP Paestum, ha un indice ORAC di 455 per 100 g, paragonabile a moltissimi vini rossi.

PERCHE’ NO AI SOLFITI.

Nonostante la sua utilità nella produzione di vini per mantenerne colore e durata, è noto che l’anidride solforosa ha sull’uomo un’azione tossica che ne limita l’impiego. L’Organizzazione Mondiale della Sanità comprende l’anidride solforosa tra i conservanti (E220) e ne indica la dose massima giornaliera ammissibile in 0,7 mg/kg di peso corporeo. All’eccesso di assunzione della solforosa sono attribuiti diversi disturbi, tra cui la comparsa di emicranie, gastralgie e reazioni allergiche.

Per questo motivo l’Unione Europea ha imposto l’obbligo (direttiva 89/2003) di indicare in etichetta la presenza di anidride solforosa nel vino, se superiore ai 10mg/litro. I solfiti sono anche responsabili della formazione di radicali anionici (dannosi per il corpo umano).

I vini Tenute del Fasanella senza solfiti aggiunti, già imbottigliati, contengono rispettivamente 2mg/litro per l’Auso e 6mg/litro per il Phasis.

I VINI TENUTE DEL FASANELLA.

Sono 4 i prodotti di Tenute del Fasanella, un’azienda che nasce con la volontà di lavorare soltanto uve delle proprie vigne. Dopo le prime due vendemmie 2008 e 2009, dal 2010 tutte le uve aziendali sono state vinificate senza solfiti. In attesa – dunque – dell’uscita dell’aglianicone Alburno prevista per il prossimo ottobre 2011 e dell’aglianico Manfredi prevista per settembre 2012.
Le schede tecniche dei vini sono disponibili sul sito www.consensowine.it.

”www.campaniaslow.it

www.spaghettitaliani.com - 4 Luglio 2011

04/07/2011 Il progetto vitivinicolo di Sergio Pappalardo:vini senza solfiti, ma con antiossidanti naturali In questi giorni in commercio Phasis ed Auso

lauragambacorta003740_v

NO alla chimica e ai solfiti, SI agli antiossidanti naturali. E’ questo il diktat del viti-enologo Sergio Pappalardo che sta riscuotendo sempre maggiori successi col suo progetto con(senso)wine senza solfiti. La sua passione per il biologico, la biodinamica e quanto sia “strettamente” naturale, lo ha accompagnato lungo il suo percorso di formazione e non lo ha abbandonato nemmeno quando ha cominciato a fare il consulente viti-enologo. Difatti tra le sue aziende è Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, ad aver abbracciato in toto il suo progetto. Così dalla vigna in cantina le file rouge è stato sempre evitare l’uso di prodotti di sintesi e“concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è di basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante. “Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”, spiega Sergio Pappalardo. “Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi”. “L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5.000 ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento ), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Questo è un dato importante e che deve far riflettere perché esprime la capacità degli alimenti di origine vegetale di assorbire radicali liberi. E’ quindi ipotizzabile che in futuro tra le indicazioni nutrizionali riportate sulle etichette degli alimenti (carboidrati, lipidi, calorie, ecc.) troveremo anche l’indicazione del potere antiossidante. Il Phasis, un Fiano in purezza IGP Paestum, ha un indice ORAC di 455 per 100 g, paragonabile a moltissimi vini rossi”. PERCHE’ NO AI SOLFITI. Nonostante la sua utilità nella produzione di vini per mantenerne colore e durata, è noto che l’anidride solforosa ha sull’uomo un’azione tossica che ne limita l’impiego. L’Organizzazione Mondiale della Sanità comprende l’anidride solforosa tra i conservanti (E220) e ne indica la dose massima giornaliera ammissibile in 0,7 mg/kg di peso corporeo. All’eccesso di assunzione della solforosa sono attribuiti diversi disturbi, tra cui la comparsa di emicranie, gastralgie e reazioni allergiche. Per questo motivo l’Unione Europea ha imposto l’obbligo (direttiva 89/2003) di indicare in etichetta la presenza di anidride solforosa nel vino, se superiore ai 10mg/litro. I solfiti sono anche responsabili della formazione di radicali anionici (dannosi per il corpo umano). I vini Tenute del Fasanella senza solfiti aggiunti, già imbottigliati, contengono rispettivamente 2mg/litro per l’Auso e 6mg/litro per il Phasis. I VINI TENUTE DEL FASANELLA. Sono 4 i prodotti di Tenute del Fasanella, un’azienda che nasce con la volontà di lavorare soltanto uve delle proprie vigne. Dopo le prime due vendemmie 2008 e 2009, dal 2010 tutte le uve aziendali sono state vinificate senza solfiti. In attesa – dunque – dell’uscita dell’aglianicone Alburno prevista per il prossimo ottobre 2011 e dell’aglianico Manfredi prevista per settembre 2012. APPUNTAMENTO DEGUSTAZIONI. Il prossimo 9 luglio, dalle ore 19, presso il Line Restaurant Cafè – Corso Vittorio Emanuele – Salerno si terrà una serata degustazione con protagonisti i vini Phasis ed Auso. Il 17 ed il 18 luglio a Paestum (SA) si terrà il primo Salone Nazionale del Vino – PAESTUM WINE FESTIVAL. Per l’occasione saranno in degustazione i vini di Tenute del Fasanella, in programma anch

www.unicosettmanale.it - 4 Luglio 2011

ALBURNI ALL’AVANGUARDIA. IL PROGETTO VITIVINICOLO DI SERGIO PAPPALARDO: VINI SENZA SOLFITI, MA CON ANTIOSSIDANTI NATURALI

In questi giorni in commercio Phasis ed Auso. NO alla chimica e ai solfiti, SI agli antiossidanti naturali. E’ questo il diktat del viti-enologo Sergio Pappalardo che sta riscuotendo sempre maggiori successi col suo progetto con(senso)wine senza solfiti.

La sua passione per il biologico, la biodinamica e quanto sia “strettamente” naturale, lo ha accompagnato lungo il suo percorso di formazione e non lo ha abbandonato nemmeno quando ha cominciato a fare il consulente viti-enologo.
Difatti tra le sue aziende è Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, ad aver abbracciato in toto il suo progetto.
Così dalla vigna in cantina le file rouge è stato sempre evitare l’uso di prodotti di sintesi e”concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è di basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante.
“Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”, spiega Sergio Pappalardo.
“Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi”.
“L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5.000 ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento ), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Questo è un dato importante e che deve far riflettere perché esprime la capacità degli alimenti di origine vegetale di assorbire radicali liberi. E’ quindi ipotizzabile che in futuro tra le indicazioni nutrizionali riportate sulle etichette degli alimenti (carboidrati, lipidi, calorie, ecc.) troveremo anche l’indicazione del potere antiossidante. Il Phasis, un Fiano in purezza IGP Paestum, ha un indice ORAC di 455 per 100 g, paragonabile a moltissimi vini rossi”.

PERCHE’ NO AI SOLFITI.
Nonostante la sua utilità nella produzione di vini per mantenerne colore e durata, è noto che l’anidride solforosa ha sull’uomo un’azione tossica che ne limita l’impiego. L’Organizzazione Mondiale della Sanità comprende l’anidride solforosa tra i conservanti (E220) e ne indica la dose massima giornaliera ammissibile in 0,7 mg/kg di peso corporeo. All’eccesso di assunzione della solforosa sono attribuiti diversi disturbi, tra cui la comparsa di emicranie, gastralgie e reazioni allergiche.
Per questo motivo l’Unione Europea ha imposto l’obbligo (direttiva 89/2003) di indicare in etichetta la presenza di anidride solforosa nel vino, se superiore ai 10mg/litro. I solfiti sono anche responsabili della formazione di radicali anionici (dannosi per il corpo umano).
I vini Tenute del Fasanella senza solfiti aggiunti, già imbottigliati, contengono rispettivamente 2mg/litro per l’Auso e 6mg/litro per il Phasis.
I VINI TENUTE DEL FASANELLA.
Sono 4 i prodotti di Tenute del Fasanella, un’azienda che nasce con la volontà di lavorare soltanto uve delle proprie vigne. Dopo le prime due vendemmie 2008 e 2009, dal 2010 tutte le uve aziendali sono state vinificate senza solfiti. In attesa – dunque – dell’uscita dell’aglianicone Alburno prevista per il prossimo ottobre 2011 e dell’aglianico Manfredi prevista per settembre 2012.
APPUNTAMENTO DEGUSTAZIONI.
- Il prossimo 9 luglio, dalle ore 19, presso il Line Restaurant Cafè – Corso Vittorio Emanuele – Salerno si terrà una serata degustazione con protagonisti i vini Phasis ed Auso.
- Il 17 ed il 18 luglio a Paestum (SA) si terrà il primo Salone Nazionale del Vino – PAESTUM WINE FESTIVAL. Per l’occasione saranno in degustazione i vini di Tenute del Fasanella, in programma anche una specifica serata dedicata. Per ulteriori info www.diviniassaggi.it.

www.rivistainforma.it - 4 Luglio 2011

Vini senza solfiti, ma con antiossidanti naturali

SPAPPALARDO-300x217

NO alla chimica e ai solfiti, SI agli antiossidanti naturali. E’ questo il diktat del viti-enologo Sergio Pappalardo che sta riscuotendo sempre maggiori successi col suo progetto con(senso)wine senza solfiti.

La sua passione per il biologico, la biodinamica e quanto sia “strettamente” naturale, lo ha accompagnato lungo il suo percorso di formazione e non lo ha abbandonato nemmeno quando ha cominciato a fare il consulente viti-enologo.
Difatti tra le sue aziende è Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, ad aver abbracciato in toto il suo progetto.
Così dalla vigna in cantina le file rouge è stato sempre evitare l’uso di prodotti di sintesi e“concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è di basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante.
“Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”, spiega Sergio Pappalardo.
“Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi”.
“L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5.000 ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento ), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Questo è un dato importante e che deve far riflettere perché esprime la capacità degli alimenti di origine vegetale di assorbire radicali liberi. E’ quindi ipotizzabile che in futuro tra le indicazioni nutrizionali riportate sulle etichette degli alimenti (carboidrati, lipidi, calorie, ecc.) troveremo anche l’indicazione del potere antiossidante. Il Phasis, un Fiano in purezza IGP Paestum, ha un indice ORAC di 455 per 100 g, paragonabile a moltissimi vini rossi”.

PERCHE’ NO AI SOLFITI.
Nonostante la sua utilità nella produzione di vini per mantenerne colore e durata, è noto che l’anidride solforosa ha sull’uomo un’azione tossica che ne limita l’impiego. L’Organizzazione Mondiale della Sanità comprende l’anidride solforosa tra i conservanti (E220) e ne indica la dose massima giornaliera ammissibile in 0,7 mg/kg di peso corporeo. All’eccesso di assunzione della solforosa sono attribuiti diversi disturbi, tra cui la comparsa di emicranie, gastralgie e reazioni allergiche.
Per questo motivo l’Unione Europea ha imposto l’obbligo (direttiva 89/2003) di indicare in etichetta la presenza di anidride solforosa nel vino, se superiore ai 10mg/litro. I solfiti sono anche responsabili della formazione di radicali anionici (dannosi per il corpo umano).
I vini Tenute del Fasanella senza solfiti aggiunti, già imbottigliati, contengono rispettivamente 2mg/litro per l’Auso e 6mg/litro per il Phasis.
I VINI TENUTE DEL FASANELLA.
Sono 4 i prodotti di Tenute del Fasanella, un’azienda che nasce con la volontà di lavorare soltanto uve delle proprie vigne. Dopo le prime due vendemmie 2008 e 2009, dal 2010 tutte le uve aziendali sono state vinificate senza solfiti. In attesa – dunque – dell’uscita dell’aglianicone Alburno prevista per il prossimo ottobre 2011 e dell’aglianico Manfredi prevista per settembre 2012.
APPUNTAMENTO DEGUSTAZIONI.

  • Il prossimo 9 luglio, dalle ore 19, presso il Line Restaurant Cafè – Corso Vittorio Emanuele – Salerno si terrà una serata degustazione con protagonisti i vini Phasis ed Auso.
  • Il 17 ed il 18 luglio a Paestum (SA) si terrà il primo Salone Nazionale del Vino – PAESTUM WINE FESTIVAL. Per l’occasione saranno in degustazione i vini di Tenute del Fasanella, in programma anche una specifica serata dedicata. Per ulteriori info www.diviniassaggi.it.

 

www.bereilvino.it - 4 Luglio 2011

Auso e Phasis: due nuovi vini senza solfiti

NO alla chimica e ai solfiti, SI agli antiossidanti naturali. E’ questo il diktat del viti-enologo Sergio Pappalardo che sta riscuotendo sempre maggiori successi col suo progetto con(senso)wine senza solfiti. La sua passione per il biologico, la biodinamica e quanto sia “strettamente” naturale, lo ha accompagnato lungo il suo percorso di formazione e non lo ha abbandonato nemmeno quando ha cominciato a fare il consulente viti-enologo. Difatti tra le sue aziende è Tenute del Fasanella, realtà produttiva degli Alburni, in provincia di Salerno, ad aver abbracciato in toto il suo progetto. Così dalla vigna in cantina le file rouge è stato sempre evitare l’uso di prodotti di sintesi e“concimazioni con sali” di suoli e di mosti. Il principio è di basarsi sullo stato di benessere e di salute della pianta per produrre uva con un suo peculiare alto potenziale antiossidante.
“Siamo sempre stati abituati ad associare vini prodotti senza l’aggiunta di solfiti, a vini con invecchiamenti precoci, con profumi e sapori comuni a tutti i prodotti ossidati e con la perdita delle caratteristiche organolettiche varietali e territoriali. Troppo spesso si pensa che produrre vini senza utilizzare solfiti, faccia perdere un concreto supporto ai profumi primari, ma sono convinto che sia una conseguenza della mancanza di esperienza nella produzione di questi vini sostenuta dalle nuove biotecnologie”, spiega Sergio Pappalardo.
“Difatti nella produzione dell’Auso, un blend di Aglianico e Primitivo IGP Paestum, sono riuscito ad ottenere molto di più rispetto agli scorsi anni. Inoltre con il consumo di questi vini – oltre ad evitare i solfiti – assumiamo un potenziale di antiossidanti indispensabile per fronteggiare i livelli di stress attuali che portano alla produzione – sempre maggiore – di radicali liberi”.
“L’alimentazione giornaliera dovrebbe fornire idealmente 5.000 ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity ovvero l’indice del potere antiossidante di un alimento ), il vino Auso di Tenute del Fasanella ne contiene 1.067 per 100 g. Questo è un dato importante e che deve far riflettere perché esprime la capacità degli alimenti di origine vegetale di assorbire radicali liberi. E’ quindi ipotizzabile che in futuro tra le indicazioni nutrizionali riportate sulle etichette degli alimenti (carboidrati, lipidi, calorie, ecc.) troveremo anche l’indicazione del potere antiossidante. Il Phasis, un Fiano in purezza IGP Paestum, ha un indice ORAC di 455 per 100 g, paragonabile a moltissimi vini rossi”.
PERCHE’ NO AI SOLFITI.
Nonostante la sua utilità nella produzione di vini per mantenerne colore e durata, è noto che l’anidride solforosa ha sull’uomo un’azione tossica che ne limita l’impiego. L’Organizzazione Mondiale della Sanità comprende l’anidride solforosa tra i conservanti (E220) e ne indica la dose massima giornaliera ammissibile in 0,7 mg/kg di peso corporeo. All’eccesso di assunzione della solforosa sono attribuiti diversi disturbi, tra cui la comparsa di emicranie, gastralgie e reazioni allergiche. Per questo motivo l’Unione Europea ha imposto l’obbligo (direttiva 89/2003) di indicare in etichetta la presenza di anidride solforosa nel vino, se superiore ai 10mg/litro. I solfiti sono anche responsabili della formazione di radicali anionici (dannosi per il corpo umano). I vini Tenute del Fasanella senza solfiti aggiunti, già imbottigliati, contengono rispettivamente 2mg/litro per l’Auso e 6mg/litro per il Phasis.
I VINI TENUTE DEL FASANELLA.
Sono 4 i prodotti di Tenute del Fasanella, un’azienda che nasce con la volontà di lavorare soltanto uve delle proprie vigne. Dopo le prime due vendemmie 2008 e 2009, dal 2010 tutte le uve aziendali sono state vinificate senza solfiti. In attesa – dunque – dell’uscita dell’aglianicone Alburno prevista per il prossimo ottobre 2011 e dell’aglianico Manfredi prevista per settembre 2012.
APPUNTAMENTO DEGUSTAZIONI.
> Il prossimo 9 luglio, dalle ore 19, presso il Line Restaurant Cafè – Corso Vittorio Emanuele – Salerno si terrà una serata degustazione con protagonisti i vini Phasis ed Auso.
> Il 17 ed il 18 luglio a Paestum (SA) si terrà il primo Salone Nazionale del Vino – PAESTUM WINE FESTIVAL. Per l’occasione saranno in degustazione i vini di Tenute del Fasanella, in programma anche una specifica serata dedicata. Per ulteriori info www.diviniassaggi.it.
***A disposizione le schede tecniche dei vini sul sito www.consensowine.it.

www.soavemente.net - 13 Aprile 2011

Presentazione del progetto Freewine a Vinitaly -

“No sulfites in Paradise” emblema ambizioso, se il paradiso non è quello di George Clooney o Julia Roberts.  Noi siamo sulla terra e ci limitiamo a descrivere quello che abbiamo ascoltato e tastato alla presentazione di Freewine, progetto promosso da Tebaldi Tecnologie. Nove produttori aderenti da varie parti d’Italia, dodici vini in degustazione. Vini liberi da solfiti, nel senso che, con l’uso di innovative tecnologie si vuole arrivare allo zero di andride solforosa aggiunta, la sostanza che è responsabile del “mal di testa” da vino. E c’è anche chi all’ anidride solforosa è allergico.    Il progetto è senza dubbio interessante. Raggiungere un alto grado di salubrità del vino è un obiettivo condivisibile. Marco Tebaldi “enologo e tecnologo” dell’ azienda ha presentato il progetto che definisce “pionieristico” in questi temini:
VALORI: rispetto per il consumatore come persona (salubrità), espressione massima nel vino dell’ interazione tra vitigno e terroir nel rispetto dello stile produttivo dei singoli, uso responsabile delle teconologie come strumento; ( abbiamo capito che la tecnologia è di tipo fisico-chimico ma attendiamo maggiori illustrazioni)
OBIETTIVI E METODOLOGIE: eliminazione delle cause ( tendere allo zero in temini di SO2 aggiunta), sostituzione degli effetti utili dei solfiti con prodotti rigorosamente naturali (estratti vegetali e derivati di lieviti), controllo dell’ossigeno in tutto il processo produttivo.
A questi,  si aggiungono particolari cure per l’igiene di cantina e per l’uso di tappi. Si sta lavorando anche per allargare il protocollo freewine alle pratiche in vigneto, per eliminare i trattamenti chimici. Un altro progetto collegato sarà quello per il recupero della CO2 delle fermentazioni (raggiungere zero emissioni).
Elenco vini e produttori aderenti

La degustazione.

Siamo al primo step, quindi non è il caso di esprimere giudizi sui vini,  tutti ancora da vasca o imbottigliati da pochissimo tempo. La sensazione generale è che il concetto di “applicabilità universale” della tecnologia freewine a piccoli o grandi volumi produttivi, differenti gradi di qualità delle uve, variabilità delle annate e diversi territori e vitigni sia condivisibile dal punto di vista tecnico, ma non dia, almeno per ora, risultati particolarmente espressivi, soprattutto al naso e con alcuni vitigni.  Tra i vini degustati, sicuramente più completi e piacevoli sono risultati i vini rossi, in particolare l’Aglianico del Vulture Amorosso (dichiarato dal produttore a 0 solfiti). Nei bianchi, sicuramente più vulnerabili all’ ossigeno, per ora si avverte  soprattutto un approccio olfattivo piuttosto standard ( ma occorre abituarsi – dicono i comunicatori del progetto – a un diverso impatto olfattivo). Impatto, mi pare, molto segnato dalla Co2 (che personalmente mi ha un po’ disturbato) ma che ovviamente preserva dalle ossidazioni. Bianchi piuttosto esili, come se mancasse materia proteica, succo, vigore.  Questa osservazione vale  in particolare per i vini da Garganega, quelli che amo di più!  Notevoli il Fiano IGP Paestum di Tenute del Fasanella e il Lugana 1909 di Ancilla Lugana ( quanto incideranno il tipo di vitigno e le pratiche colturali nel risultato?)
La legislazione prevede un limite massimo di legge di 150 mg/l di So2 nei vini rossi e di 200mg/l nei vini bianchi).  Questi vini che hanno da 0 a 38 mg /l di solforosa intrinseca ( cioe prodotta da alcuni tipi di lieviti in fermentazione e non aggiunta) sono quindi decine e decine di volte al di sotto dei limiti.
Sarà importante vedere l’evoluzione  gusto-olfattiva di questo vini nel tempo, attendiamo quindi altre degistazioni, magari potendo paragonare lo stesso vino prodotto da un’unica massa “con e senza tecnologia free-wine”.  E soprattutto  vorremmo leggere in etichetta (certificate da laboratori terzi) i dati delle percentuali di So2  dichiarate dai produttori.

Scritto alle 15:03 nella Eventi, Nel bicchiere, Video | Permalink
Tag Technorati: Amorosso, Ancilla Lugana, Fattori, Pignole, Progetto Freewine, Roverè della Luna, SeiTerre, Tebaldi Tecnlogie, Tenuta di Corte Giacobbe, Tenute del Fasanella, Terre Verdi

Preferiti
Reblog (0)

TRACKBACK

URL per il TrackBack a questo post: http://www.typepad.com/services/trackback/6a00d834520b8069e20147e43af87d970b
I link elencati qui sotto sono quelli che rimandano a Presentazione del progetto Freewine a Vinitaly – :

COMMENTI

michele malavasi ha detto…
Come ho scritto in un’altro blog prima di leggere questo articolo, al vinitaly ho assaggiato un bianco 2010 (di cui non mi sembra carino fare il nome)all’interno di questi cosidetti free-wine e l’ho trovato assolutamente esile, privo di acidità, zero persistenza,come lei dice privo di materia.E’ stato il peggior assaggio tra Cerea e Vinitaly, concediamo la stecca al debutto. Come leggo nell’articolo, non si deve curare solo l’aggiunta di solfiti, che a basse dosi sono quasi essenziali, ma bisogna spostare l’attenzione all’uso della chimica in vigna, perchè dopo finisce nel bicchiere. Basterebbe una semplice analisi dei pesticidi residui e si aprirebbe un mondo. Io da amante dei vini “veri-naturali” guardo con rispetto e ammirazione a cantine (mi riferisco ai loro bianchi in questo caso)come Pepe, Fattoria San Lorenzo, Castellada, Zidarich, Vodopivec tra le tante, che dimostrano con i loro vini che quando c’è rispetto della vigna e chiaramente una competenza enologica, non ce n’è per nessuno.Il verdicchio San Lorenzo 1998 vinificato in acciaio/cemento, ed ancora in forma splendente è la quadratura del cerchio.

Rispondi
13 aprile 2011 a 19:58
M.Grazia ha detto…
La ringrazio Michele per questo suo commento che è senz’altro condivisibile. Tra i bianchi che lei cita ce ne sono due (Fattoria San Lorenzo e Zidarich) che a mio parere sono veramente straordinari. C’è da dire che la ricerca enologica- tecnica, quando veramente arrivasse a un uso basso di solfiti aggiunti accompagnato da un rispetto autentico per la terra, potrebbe realizzare un approccio generale più “naturale”. Io non amo questo aggettivo per i vini. Trovo che la distinzione più corretta sia tra vini artigianali e vini di volume. Vedremo se e come il progetto Freewine si muoverà all’ interno di questi due mondi. Sembrerebbe, infatti che quel suo termime “Veri- naturali” ne escludesse uno. A parlare, come sempre, sarà il vino. Cordialmente la saluto, MG

www.intravino.com - 12 Aprile 2011

Freewine | Una buona idea e qualche dubbio
freewine

L’idea è semplice ed in qualche modo affascinante: ridurre drasticamente fino ad eliminare la quantità di solfiti (aggiunti) presenti nel vino. Il progetto si chiama “Freewine, no sulfites in paradise” ed è stato presentato nei giorni scorsi a Vinitaly. Il presupposto da cui parte è quello secondo il quale un’alta percentuale di anidride solforosa è la causa principale del mal di testa, il giorno dopo. O che comunque è sostanza che ingerita in dosi eccessive è sempre e comunque nociva per la salute (poi certo, anche non bere molto è una di quelle scelte da annoverare tra le “giuste” e le “sagge”).
Come tutti sappiamo i vini che ne contengono una quantità superiore ai 10 mg/l devono, per legge, riportare in etichetta la dicitura “contiene solfiti” senza venga però specificata la quantità esatta. Ecco che allora compaiono quà e là nuove forme, la fantasia italica in questi casi sa essere estremamente creativa ma la più diffusa è di certo “senza solfiti aggiunti“. Fin qui tutto bene, ammesso che comunque percentuali minime di SO2 abbinate ad un bere moderato non sono il male assoluto.
I cardini su cui si fonda Freewine sono due: l’uso di tecnologie specifiche volte ad un’azione antiossidante (si, ma quali? Non si trovano maggiori informazioni in merito) e l’adozione di un protocollo di vinificazione basato sul controllo (da leggere come assenza) dell’ossigeno durante lavorazione ed imbottigliamento. Sulla brochure informativa anche una dichiarazione forte: “i solfiti hanno la capacità di interferire organoletticamente con l’espressione dei vini, un minor contenuto li rende quindi più puri e sinceri“. Io aggiungerei: dipende dalla quantità. Un’immediata perplessità riguarda lo shock a cui vini sarebbero sottoposti all’apertura della bottiglia, visto e considerato che tutto il loro percorso è in atmosfera controllata. Vini destinati a migliorare con il passare delle ore, e dei giorni? Forse si, forse no. La cosa certa è che i promotori di freewine consigliano di utilizzare un particolare tappo che, a parità di vino versato nel bicchiere, rilascia all’interno della bottiglia un gas inerte per impedire repentine ossidazioni dello stesso.
In fiera anche l’occasione per assaggiare alcuni vini prodotti con questo particolare protocollo, tutti targati 2010. Sorvolando sui rossi, davvero troppo giovani per un giudizio oggettivo, i bianchi non hanno raccontato grandi espressività nonostante fossero generalmente molto puliti. Attenzione poi, si tratta di vini molto lontani da quelli che sono ascrivibili alla categoria dei “naturali”, mi riferisco a quei (pochi) che hanno fatto dell’assenza di solforosa una sorta di missione, con tutti i loro pregi e -a volte- difetti. Una menzione la meritano il Verdicchio di Terre Verdi ed il fiano di Tenuta del Fasanella, bello minerale ed elegante. Queste le aziende che ad oggi hanno aderito al progetto: Amorosso, La Ghidina, Roverè della Luna, Fattori, Le Pignole, SeiTerre, Tenuta di Corte Giacobbe – Dal Cero, Tenute del Fasanella, Terre Verdi. Per adesso quindi i risultati non convincono del tutto e non possiamo fare altro che aspettarli al banco di prova più importante, il tempo.

www.rosmarinonews.it - 3 Aprile 2011

Nasce un nuovo blog…
L’invito a degustare i miei vini senza solfiti
del 03/04/2011

2381_9061

Ho sempre subìto il fascino della terra, dei cicli della Natura, dell’attesa delle stagioni. E questa passione col tempo è diventata una professione…sono diventato viti-enologo sperando di poter incidere nel “modo” in cui si chiedeva alla terra di regalarci dell’uva. A dispetto di quanto spesso ho visto e vedo, desideravo che l’approccio fosse fatto con “senso”.

Ovvero in maniera sensata e dunque nel rispetto dello straordinario patrimonio ambientale che abbiamo, ed anche nel rispetto dei nostri sensi…cioè riducendo al massimo l’utilizzo di sostanze di sintesi sia nell’allevamento della vite che nella produzione del vino.

Questa sorta di Blog nasce – difatti – in una occasione speciale per me…l’uscita dei miei primi vini senza solforosa, un progetto a cui lavoravo da molto e che si è concretizzato grazie alla collaborazione avviata con FreeWine ed alla disponibilità dell’azienda vitivinicola Tenute del Fasanella.

Così se dal 7 all’11 aprile prossimo, prenderete parte alla 45^ edizione del Vinitaly, vi invito a degustare i primi vini dalla vendemmia 2010 prodotti dalle varietà Fiano, Aglianico e Primitivo.

In questo blog spero di raccontarvi i momenti più interessanti del mio lavoro, documentandolo con foto e riflessioni di un tecnico con(senso)…

***VINITALY 7/11 aprile 2011

Galleria Centroservizi Castelvecchio (tra Pad.2Sicilia e Pad.3Trentino)

Stand 2A (di fronte il Sole24ore)

www.rosmarinonews.it - 19 Giugno 2010

Buranco e Ricchebuono per una cena ligure
A Casa Bleve anche “cantine” in affitto
del 19/06/2010

1066_1690.JPG

ROMA. Ho difficoltà a chiamare enoteca Casa Bleve. Sarà perché oltre alla ricchezza di vini e prodotti tipici, qui si può trovare una cantina sotterranea di grande interesse, si può scegliere di consumare una cena di tutto rispetto o vivere i molti eventi che il locale romano ospita.

Si tratta di una enoteca da vivere in tutti i sensi, l’ultima occasione per me risale ai primi di giugno, per una cena ligure firmata dallo chef stellato Giuseppe Ricchebuono ed accompagnata dai vini di Buranco. Casa Bleve è a due passi da piazza Navona e nasce nel 2002, dopo un percorso di crescita professionale che ha portato Tina e Anacleto dalla Puglia alla Capitale. Apprezzatissima da politici, imprenditori, appassionati ed esperti del settore, questa “enotavola” è un rifugio certo e confortevole.

BURANCO

L’Azienda Agricola Buranco è guidata dalla famiglia Grillo e porta avanti un lavoro volto alla qualità ed alla valorizzazione del patrimonio vitivinicolo delle Cinque Terre. Situata proprio nel comune di Monterosso, Buranco è un anfiteatro naturale circondato da vigneti. Un Cinqueterre DOC (bosco, albarola e vermentino), una selezione ottenuta dalle stesse uve “Magioa”, un rosso da uve internazionali ed il prezioso “Sciacchetrà”: sono questi i prodotti dell’azienda ligure che raggiunge le 18 mila bottiglie annue. Erano presenti tra gli altri il senatore Luigi Grillo, patron dell’azienda, e il viti-enologo Sergio Pappalardo.

LA CENA

Giuseppe Ricchebuono è lo chef de La Fornace di Barbablù, ristorante situato a Noli (Savona) nel Palazzo Vescovile, riconosciuto con una stella Michelin nel 2003. Dal borgo savonese arriva a Roma per affiancare i vini Buranco, interpreti fedeli e rappresentanti di una delle zone più interessanti della produzione vitivinicola ligure, con una cena d’autore di sapori altrettanto territoriali.

Ricchebuono ama il pesce azzurro ed i prodotti dell’entroterra, ha uno stile pulito, di consistenza ma leggero, con una presentazione elegante e mai eccessiva.

In apertura una palamita in crosta di pane con maionese di bottarga, asparagi e rucola, poi è seguita una triglia scottata con crema d’aglio e favette. E non poteva mancare il pesto, ma lo chef lo ha utilizzato in un risotto. E ancora un interessante trancio di dentice, con la sua pelle croccante a guarnire, con purè ai canditi e crosta di pinoli. Per chiudere in dolcezza: uno zuccotto con cuore di cedro e bergamotto ed una base sottile di pan di Spagna.

Una cena estiva impeccabile e leggera, Ricchebuono ha bene dimostrato la sua attenzione agli ingredienti di qualità e la volontà di non coprire mai i loro sapori autentici.

LA CANTINA

Leonardo Callipo è il sommelier di Casa Bleve, di grande professionalità e preparazione, ci ha guidati anche alla scoperta della cantina dell’enoteca, oltre che dei vini serviti per l’occasione. Inutile sottolineare quante importanti bottiglie da collezione ci siano, ma interessante è raccontare di un servizio “riservato” a clienti particolari…Difatti c’è una parte della cantina riservata, dove alcuni personaggi più o meno noti conservano il proprio vino e arricchiscono la propria collezione, affidandosi anche nell’acquisto all’esperto naso di Leonardo.

Antonella Petitti

PIATTI_RICCHEBUONO.JPG
PIATTI_RICCHEBUONO (1).JPG
PIATTI_RICCHEBUONO (2).JPG
CANTINA_CASABLEVE.JPG

www.porzionicremona.it - 12 Giugno 2010

Buranco a Casa Bleve

IMG_21281

Buranco è un’ azienda vinicola, ma anche un anfiteatro naturale di grande bellezza a ridosso di Monterosso, nelle Cinque Terre. Una serie di terrazzamenti ripidi dà origine ad una piccola gamma di poche etichette e poche migliaia di bottiglie. Sono state presentate a Roma in un posto a noi molto caro: Casa Bleve, una storica enoteca di Roma, bellissima per l’ ampiezza e la varietà degli spazi. Luigi Grillo, titolare di Buranco, ha lasciato parlare l’ enologo e i vini e ha affidato al bravo Giuseppe Ricchebuono, chef del Vescovado di Noli, l’ abbinamento delle ricette.

IMG_2132

i vini di Buranco

IMG_21341

lo sciacchetrà

IMG_2125

Ricchebuono al lavoro

IMG_21301

Luigi Grillo

IMG_21351

Grillo con l’ enologo e lo chef

IMG_2137

Corriere del Mezzogiorno - 15 Maggio 2010

www.lucianopignataro.it - 4 dicembre 2009

Greco di Tufo 2008 docg Coste di Tufo

4 dicembre 2009
Uva: greco di Tufo Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro Fermentazione e maturazione: acciaio

La famiglia Troisi

2181 è il numero, vergato a mano su un talloncino, che va ad identificare la bottiglia di Greco di Tufo 2008 che ho avuto modo di assaggiare. L’azienda è la neonata Coste di Tufo, che sullo stesso talloncino riporta la dicitura “piccolo vigneto”: stiamo infatti parlando di una produzione di sole 5100 bottiglie numerate, per meno di 1 ettaro di terreno vitato. Inutile dire che, per i numeri di cui stiamo parlando, la famiglia Troisi, titolare dell’azienda (ma ha senso il temine “azienda”?), non cerca il business ma solo un “divertissement”, animato di quella sana passione che contagia quando si mettono le mani nella terra. Veniamo al bicchiere… Alla vista si offre di un bel giallo paglierino intenso, di intrigante vivacità, animato di riflessi verde-oro, nel calice il vino rimane solido e compatto, denotando una buona materia estratta. Il naso è spiccatamente intenso, affilato, fresco e di giusta grassezza. Sufficientemente tipico con qualche sbuffo di ruffianità, sicuramente piacevole il ventaglio di profumi che si offre generosamente. L’accoglienza è quella pungente delle arbe aromatiche ed officinali, via via che il naso approccia il bicchiere vengon fuori le note floreali e quelle fruttate a pasta bianca, per chiudere strisciando lungamente su nuances minerali, sulfuree, tufacee. Le promesse fatte dal naso sono piuttosto importanti quindi l’assaggio si preannuncia carico di aspettative: l’ingresso in bocca è molto ben bilanciato tra la grassezza e l’acidità, l’alcool ben calibrato, non disturba il palato, ma ritorna gradatamente e a lungo solo dopo la deglutizione; molto spiaccata la componente sapida che rende il vino decisamente saporoso. Il ventaglio organolettico al palato tende a chiudersi un pò, ma rimanendo assolutamente tipico: a bocca piena ci si concentra su una bella frutta matura, un insieme di pesca bianca, albicocca e pera spadona; non mancano note di frutta secca, tostata e non… a bocca vuota invece sale in cattedra una mineralità spiccatissima che si impone a centro bocca e sul fondo della gola, stimolata dagli effluvi di alcool che risalgono lentamente. La chiusura è lunghissima, metallica, sulfurea, senza alcun cedimento di sorta. Un vino che si esprime ottimamente al naso e che necessita almeno di qualche altro mese in bottiglia per rendere al meglio anche al palato: la buona quantità di materia gli permetterà di durare molto a lungo. Un prodotto da tenere sott’occhio nei mesi e negli anni a venire, soprattutto per la volontà, da parte dell’azienda, di lascire riposare di più le prossime annate prima di uscire in commercio.
Annata 2007: la bottiglia 1329 di questa annata ha un profilo organolettico più deciso, ma allo stesso tempo meno variegato della 2008. Il colore è sempre un brillante verde-oro, ma che si arricchisce anche delle sfumature dell’oro antico, rimanendo comunque di ottima vivacità e fluidità. Il naso è sicuramente più ruffiano del precedente, note suadenti di frutta appena tostata, delicato speziato e dolcissima pesca bianca, con qualche lievissima nota sulfurea e minerale di sottofondo. Il palato è ancora tesissimo, giustamente equilibrato ma meno ricco ed opulento rispetto alla 2008: ottima la coerenza con il naso, con una componente minerale più in evidenza soprattutto sul finale di bocca. Un vino senza chiaroscuri, forse non un campione di tipicità, ma di limpida bevibilità ed abbinabilità, da consumare tranquillamente a tutto pasto.
Questa scheda è di Vittorio Guerrazzi
Sede a Tufo, via Provinciale. Tel. 089.981593. www.costeditufo.it Ettari: 1 di proprietà. Bottiglie prodotte: 5000. Enologo: Sergio Pappalardo. Vitigno: greco di Tufo